Skip to content

Amicizia con l’Invisibile: GAIA fra Scienza, Verità e Mitologia

GaiaScienza-FB-Cover

Amicizia con l’Invisibile: Gaia fra Scienza, Verità, e Mitologia

Serena Anderlini-D’Onofrio, PhD, alias Dr. SerenaGaia

Proposta per Simposio, 2022

                                                       “La scienza è la ricerca della verità, anche quando non ci piace.”

Lynn Margulis, National Medal of Science, USA, 1999.

 

Qual è il grande invisibile dell’epoca che stiamo vivendo? Un invisibile tanto grande quanto poi è piccolissimo. Un invisibile che ci sta cambiando la vita, che abita dentro di noi e fra di noi esseri umani, e che, con il suo arrivo, riesce a scatenare pandemoni e pandemie? Beh, lo avete già capito, si tratta del virus che oggi, nella narrazione principale della nostra cultura, e quella occidentale in particolare, viene ad ogni passo costruito come un nemico, un pericoloso avversario da sconfiggere.

In Italia, per esempio, il presidente dice: “Il nemico è il virus, non gli strumenti che lo combattono.” [1] La stessa costruzione discorsiva domina la stampa ufficiale in molte altre lingue e culture. Parallelamente ad essa ha vita un’altra narrativa, che vede invece come nemici i principali strumenti proposti per combattere il nemico invisibile, incluso, naturalmente i vaccini.

Come può tutto questo avvicinarci al punto di fuga dove le due narrative si uniscono e le temute minacce spariscono?

La nostra proposta è quella di ribaltare la prospettiva, tramite la teoria di Gaia, che, con i suoi aspetti epistemici, si colloca fra scienza, verità e mitologia. La teoria stabilisce che la vita sulla terra regola il suo proprio equilibrio omeostatico nell’interesse di sé stessa, a prescindere dal vantaggio di qualsiasi delle sue diverse forme. Lo scienziato britannico James Lovelock pose l’accento sugli aspetti macrocosmici della teoria, come il famoso Daisy World, e l’estinzione dei dinosauri. La scienziata americana Lynn Margulis[2] si occupò degli aspetti microcosmici di questa teoria, come i batteri e i virus. Attraverso l’opera di questa scienziata, noi iniziamo a vedere queste entità invisibili che ci abitano come dei simbionti evolutivi. Possiamo persino considerarli come dei collaboratori e degli amici.

Quindi affiora alla nostra coscienza la domanda: E se fossimo noi quelli che costruiscono nella nostra mente nemici invisibili, per poi guerreggiare contro di essi guerre che non si possono vincere? E se la stessa base epistemica della nostra cultura evolutiva–l’idea cioè che si evolve per competizione, come insegna il darwinismo, piuttosto che per collaborazione, per amore, per simbiosi, per amicizia, come insegna appunto la Teoria di Gaia—fosse quella che ci fa immaginare queste entità piccolissime come nemici, entità che, proprio per le loro dimensioni così minime, ci invadono poi in maniera assai pervasiva?

Se fosse una questione di immaginazione, basterebbe provare a pensare ai virus in modi diversi, per esempio, come amici da accogliere, come messaggeri da ascoltare. Questo anche nei rari casi un cui essi ci portano delle patologie, le quali, tolte le paure che emanano dall’inimicizia, potrebbero risultare magari curabili e di soluzione non tanto difficile.

Ricordiamo qui che la scienza definisce i virus come “codici senza corpo.” Nella prospettiva darwininana, essi sono parassiti. In quella gaiana, sono strumenti di conservazione di codici necessari alla vita. Cercano casa, e, se ospitati, ci abitano senza distruggerla.

La proposta di questo tema per un Simposio da tenersi nel 2022 può articolarsi in vari modi, che includo qui:

  1. Masterclass introduttiva alla Teoria di Gaia, i suoi principi epistemici e scientifici, ed il loro effetti in ambito culturale, discorsivo, ed umanistico. Masterclass che sarei felice di condurre io stessa, come autrice dello studio Gaia and the New Politics of Love (2009).[3]
  2. Proiezione del film do John Feldman, Symbiotic Earth: How Lynn Margulis Rocked the Boat and Started a Scientific Revolution (2018), o parti di esso.
  3. Un numero limitato di panel, con inviti a personaggi del mondo della scienza e della cultura disposti e disposte a discutere la teoria e le sue possibili applicazioni al vissuto di cui si parla.
  4. Dipendendo da chi accolga l’invito, i panel potrebbero essere organizzati intorno a vari ambiti: includendo aspetti scientifici, umanistici, culturali, politici, e giuridici. In ciascun ambito si porterebbero prospettive di chi apprezza la Teoria di Gaia come nuovo paradigma epistemico, chi non riconosce i suoi aspetti utili in questo importante momento evolutivo.

Nell’orizzonte di questo quadro paradigmatico, si potranno intavolare dibattiti aperti basati sull’ascolto profondo e reciproco riguardo a tanti dei temi più significativi nel contesto della convivenza con la pandemia. Questi possono includere le cure domiciliari, la vaccinabilità e le sue possibili controindicazioni, l’immunità naturale e i risultati dei test anticorpali, gli eventi avversi, le restrizioni delle libertà individuali, il diritto alla scelta, lo stato emergenziale, la pratica del dissenso, e molto altro ancora.

Panels: Suggerimenti per inviti possibili

A seguito si elencano solo alcuni dei personaggi che potrebbero apportare contributi significativi.

Ambito culturale umanistico giuridico:

  • Giorgio Agamben, filosofo
  • Massimo Cacciari, filosofo
  • Ugo Mattei, giurista, rettore Università di Torino
  • Nandra Schilirò, artivista
  • Mirella Santamato, scrittrice, esoterista
  • Tiziana Alterio, giornalista, scrittrice
  • Mauro Scardovelli, fondatore di Uni Aleph
  • Nino Galloni, studioso dell’economia

Ambito scientifico medico informativo:

  • Telmo Pievani, teorico dell’evoluzione, Università di Padova
  • Stefan Oelrich, Dirigente Bayer
  • Erminia Ferrari, Medico e Omeopata
  • Peter Doshi, professore, University of Maryland, redattore BMJ
  • Luc Montagnier, Premio Nobel per la Medicina
  • Rosanna Spataro, Ricercatrice indipendente, attivista
  • Erminia Ferrari, medico, omeopata
  • Fritjof Capra, fisico e teorico dei sistemi

Si aggiunge che dal punto di vista del Simposio, le persone proposte per i panel sono autori e autrici di numerosi libri di diversi generi e tipologie.

L’autrice della proposta, Serena Anderlini-D’Onofrio, è anche lei autrice di numerosi volumi, fra i quali Eros: La Saggezza dell’Amore (2021), narrativa autobiografica e motivazionale, Gaia and the New Politics of Love (2016), studio multidisciplinare sulla Teoria di Gaia applicata agli ambiti umanistici, Ecosexuality: When Nature Inspires the Arts of Love, collezione di scritti sulla sessualità e l’ecologia. Il suo nuovo libro Alchimie dell’Amore Ecosessuale è in via di pubblicazione. Il suo nuovo progetto di libro verte sul tema dell’Amicizia con i Virus.

Serena Anderlini-D’Onofrio è stata professore ordinario presso l’Università del Puerto Rico. Il suo dottorato, riconosciuto in Italia, proviene dalla University of California. La sua ricerca ha prodotto numerosissimi studi pubblicati in riviste scientifiche arbitrate. Uno dei temi della sua ricerca è il campo degli “science studies.” Si dedica oggi alla pratica, ricerca e insegnamento delle arti dell’amore.

Dr. SerenaGaia, alias Serena Anderlini-D’Onofrio, PhD

 

DESIDERI PARTECIPARE? HAI VOGLIA DI CO-CREARE INSIEME QUESTO EVENTO?

AIUTACI A CAPIRE QUALI SONO LE TUE RISORSE E COME POSSIAMO COLLABORARE. GRAZIE!

UNISCITI AL CANALE GAIA SCIENZA SU TELEGRAM

VISITA LA PAGINA GAIA SCIENZA SU ECOSEXLOVE.ORG

VISITA IL PROGETTO GAIA SCIENZA SU FACEBOOK

 

[1] Ugo Magri. “Le violenze No Vax minano la convivenza.” La Stampa, 10 novembre, 2021, p. 11.
[2] Si offe qui una bibliografia essenziale delle opere di Lynn Margulis and cui ci si riferisce.
Symbiotic Planet: A new look at evolution. New York City: Basic Books, 1998.
What Is Life? Berkeley: University of California Press, 1995.
Microcosmos: Four billion years of microbial evolution. Berkeley: University of California Press, 1997.
Acquiring Genomes: A theory of the origin of the species. New York: Basic Books. 2002.
Vedi anche: https://en.wikipedia.org/wiki/Lynn_Margulis
Testi classici sulla Teoria di Gaia, conosciuta anche come Ipotesi Gaia, includono gli studi di James Lovelock, che vertono principalmente sugli aspetti macroscopici della teoria.
Gaia: A new look at life on Earth. Oxford, UK: Oxford University Press, 1979.
The Revenge of Gaia: Earth’s climate in crisis and the fate of humanity. New York City: Basic Books, 2006.
A proposito delle grandi estinzioni e la scomparsa dei dinosauri:
Allaby, Michael, and James Lovelock. The Great Extinction: The solution to one of the great mysteries of science, the disappearance of dinosaurs. New York: Doubleday, 1983.
Film documentario sulla vita e opere di Lynn Margulis.
Feldman, John. Symbiotic Earth: How Lynn Margulis Rocked the Boat and Started a Scientific Revoluton. Hummingbird Films, 2018.
[3] Serena Anderlini-D’Onofrio. Gaia and the New Politics of Love: Notes for a Poly Planet. Berkeley: North Atlantic Books, 2009. (Puerto Rico: 3WayKiss, 2016.)

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Your email address will not be published.

two × four =

Dr. SerenaGaia

Dr. SerenaGaia

alias Serena Anderlini-D’Onofrio, PhD, dedica la sua vita alla ricerca, insegnamento e pratica delle arti dell’amore. È una leader del movimento ecosessuale e un’esperta nell’ecologia dell’amore.

La sua opera ha gettato ponti fra la ricerca accademica e il sapere delle comunità che praticano l’amore in maniere aperte, consapevoli, olistiche, fluide, ed inclusive.

Dopo gli studi presso l’Università della California, Riverside, ha completato la sua carriera come Professore Ordinario presso l’Università del Puerto Rico, Mayagüez, con numerosissimi libri e pubblicazioni in riviste 'peer-reviewed.'

Formata nel Tantra, Tao, l’ISTA, l’espressione ecosessuale, la salute e il massaggio olistico, si è trovata naturalmente coinvolta nel movimento di risveglio umano e planetario catalizzato dalle pandemie.

Dr. SerenaGaia ti ispira: "fai dell'amore l'ecologia della tua vita!"

Sito Storico

DONA ORA!

GRAZIE!